martedì 3 luglio 2012

Birra fatta in casa

Questo post è stato fatto con la partecipazione di Alberto, perché lui con i suoi amici fa birra da un paio d'anni, e per il suo compleanno gli è stato regalato il kit di fermentazione. Lo abbiamo utilizzato per preparare la bevanda insieme, quindi non poteva mancare nel blog ^^
Un consiglio spassionato: l'imbottigliamento è un'operazione lunga quindi fatelo quando avete un po' di tempo a disposizione.

Ingredienti per la birra:
- kit di fermentazione
- prodotto enologico per la pulizia a base di soda
- metabisolfito
- malto da birrificazione preconfezionato con lievito
- 35 bottiglie da 66 ml
- tappi a corona con diametro 26 mm (con l'interno di plastica)
- 1kg di zucchero per la fase di preparazione
- 180gr di zucchero per l'imbottigliamento

PREPARAZIONE della BIRRA:
- Lavate accuratamente tutti gli utensili che si utilizzano con il prodotto enologico, risciacquare e disinfettare con il metabisolfito, quindi procedere con un ulteriore risciacquo con abbondante acqua. LA PULIZIA E' FONDAMENTALE PER UNA BUONA BIRRA.
- Mettete a bagnomaria il contenitore del malto per 10 minuti, girando di tanto in tanto.
- Fate bollire 2 litri d'acqua (3 se è inverno). Spegnete, scioglietevi all'interno 1kg di zucchero e mescolate.
- Aprite il contenitore del malto e versatelo dentro l'acqua zuccherata, aiutatevi con un cucchiaio per pulire bene pareti della latta. Mescolate il tutto.
- Versate tutto il composto dentro il barile con il rubinetto montato (ovviamente chiuso).

 
- Aggiungete acqua (fredda o tiepida) per arrivare ad avere 23 litri alla temperatura di 28 gradi. Man mano che aggiungete acqua mescolate energicamente. D'estate è sufficiente aggiungere esclusivamente acqua fredda.
- Arrivati alla temperatura di 28 gradi aggiungete la bustina di lievito; la temperatura non deve essere inferiore ai 20 gradi (altrimenti non si attiva la lievitazione) ne sopra i 28, per evitare di uccidere il lievito stesso. Se avete dubbi sulla temperatura potete aggiungere il lievito dopo diverse ore.
- Quando si aggiunge il lievito mescolare energicamente il contenuto del barile per attivarlo.
- Chiudete il barile con il tappo con il solo buco centrale e inserite il gorgogliatore che deve contenere un dito d'acqua e un po' di metabisolfito. Coprite con un pezzetto di alluminio.

Il barile deve stare ad una temperatura di 23-25 gradi per i problemi scritti sopra (d'inverno è consigliabile tenerlo in casa coperto con una coperta e d'estate non esporlo alla luce diretta del sole).

Segno caratteristico che la birra avrà iniziato la fermentazione (a partire da qualche ora dopo l'inserimento del lievito) sarà il borbottio causato dal gas prodotto dal processo mentre passa attraverso il gorgogliatore. Man mano che la fermentazione prosegue il borbottio diventerà sempre più rado. Quando sarà conclusa non sentirete quasi più tale rumore, sarà probabilmente il momento di imbottigliare.

Per esserne certi si fa un test: si inserisce nell'apposito contenitore del densimetro, della birra e inserendo lo strumento segnalerà quando sarà pronta in base al livello segnato dal liquido sul densimetro galleggiante. Il livello sul segno giallo sarà il segno che la prima fermentazione è conclusa.

IMBOTTIGLIAMENTO:


- Lavate accuratamente tutte le bottiglie e gli utensili che si utilizzano con il prodotto enologico, risciacquare e disinfettare con il metabisolfito, quindi procedere con un ulteriore risciacquo con abbondante acqua.
- Posizionate il barile vuoto per terra, e quello pieno davanti ad esso sopra ad una sedia. Aprite il rubinetto e lasciate fluire la birra all'interno del barilotto sottostante. Questa operazione serve per dividere il mosto dai residui che rimangono sul fondo del barile.
- Sciogliere in acqua 180gr di zucchero e versare il composto nel mosto, mescolando energicamente. Questa operazione serve per rendere gasata la birra.
- Coprire il barile con il coperchio a due buchi, assicurandovi che sia ben incastrato.
- Inserire nel buco piccolo il tubo corto e nell'altro il tubo lungo dalla parte non rigida, accertandovi che il tubo "peschi" nella birra.
- A questo punto prendete la prima bottiglia inserite la parte rigida del tubo appoggiandola contro il fondo. Tenendo ben saldo il tubo rigido, soffiare energicamente nell'altro, in modo da creare una pressione per spingere la birra all'interno della bottiglia. Riempite tutte le bottiglie (non eccessivamente, altrimenti potrebbero esplodere, cosa che è successa davvero)
- Tappate le bottiglie con l'apposito strumento.
- Per i primi 15 giorni è necessario tenere le bottiglie in un posto caldo e per i successivi 15 in un posto fresco. Solo allora la birra sarà pronta. 

Accorgimenti per l'imbottigliamento:
Quando il tubo risulta vuoto, controllate che peschi il liquido in quanto tende a curvarsi all'interno del barile.
Più tenete in basso la bottiglia rispetto al barile, più la birra uscirà velocemente.
Quando non riuscirete più a pescare dal fondo del barile, potete versare quello che resta con un imbuto, ma attardate il più possibile questa operazione perché crea molta schiuma.

Buona bevuta ^^

3 commenti:

Claudio ha detto...

Bravi ragazzi!! non vedo l'ora di assaggiare la vostra birra! tra l'altro ho visto che avete usato un malto che non ho mai assaggiato io... slurp! sono curioso!! :)

Carmine Volpe ha detto...

non l'ho mai fatta ma la tentazione è grande, bravissimi

Olga ha detto...

Ciao Carnine, io ti consiglio di provare a fartela tu la birra.
Noi oltre alla rossa abbiamo fatto la weisse ed è piaciuta molto!!